Sabato 14 gennaio 2012 6 14 /01 /Jan /2012 05:41

livre_serendipite-1-.jpg

Il sérendipité è il fatto di realizzare una scoperta inattesa grazie al caso ed all'intelligenza, durante una ricerca su un argomento totalmente differente.

Può trattarsi o di un'applicazione che il non si ricercava affatto, o di un'utilizzazione imprevista a ciò che metteva a punto.

Per Robert King Merton il sérendipité è l'osservazione sorprendente ininterrotta di un'induzione corretta. Un'operazione mentale che consiste in generalizzare un ragionamento o un'osservazione a partire da casi singolari.

Il "Serendipity" è una parola inventata in 1754 dal filosofo inglese Sir Horatio WALPOLE, proviene da un romanzo dell'epoca "Tè three principi of Serendib", i tre principi di Ceylon a cui il caso portava la soluzione alle situazioni spiacevoli dove cadevano

Paradosso di Menon

Non è possibile all'uomo cercare ciò che sa né ciò che non sa,; perché non cercherà ciò che sa perché lo sa e che ciò non ha spuntato bisogno di ricerca, né ciò che non sa per la ragione che non sa ciò che deve cercare.

Nel campo scientifico un'idea è una riflessione semantica preliminare. L'idea di un mezzo ancora sconosciuto ed efficace di fare qualche cosa. L'intelligenza umana fornisce questa attitudine a temere, organizzare i dati della situazione, a mettere in relazione i procedimenti ad adoperare ed a scegliere le soluzioni originali.

I successi del Sérendipité sono numerosi.

La stampante a zampillo di inchiostro, il pacemaker cardiaco, il Walkman, il Viagra, il Post-It, il nylon, il teflon, i polimeri conduttori, il Kevlar, La pasta a spalmare Nutella, Giava (linguaggio informatico), eccetera.. per parlare solamente degli esempi recenti.

È questo principio che i Grandi Gruppi industriali hanno cominciato a sistematizzare di accesso negli Stati Uniti, poi adesso in Europa.

La prima reazione faccia al Sérendipité è di considerarla come controproducente. In un mondo regge per la redditività e l'efficacia, il caso non ha il suo posto.

Tuttavia Il Sérendipité ha delle qualità innegabili. È un pegno di apertura di mente e di creatività particolarmente. Lasciarsi portare per il caso è il migliore mezzo di trovare delle notizie sorgenti di ispirazione, delle idee nuove.

Quelli che pratica efficacemente il Sérendipité, danno prova di sagacia, di fiuto, di vigilanza, di perspicacia, questo essere-a-dire di curiosità costruttiva. Lo scibile e l'esperienza del testimone di questo concorso di circostanze sono necessarie per trasformarlo in innovazione.

La nozione che si nasconde dietro il termine di Sérendipité è la sintesi del caso e della sagacia. Si tratta dunque bene di una capacità, e non unicamente di una scoperta legata al caso che non basta.

"Il caso nelle scoperte scientifiche sorride solamente a quelli che sono preparati" Louis Pasteur.

Per libera necessità - Pubblicato in : Focus - Comunità : ARCHITETTI DI INTERCOEURS
Scrivere una piccola parola - Vedere i 15 commenti
Venerdì 13 gennaio 2012 5 13 /01 /Jan /2012 05:26

femme-de-dos-1-.jpg

Ignota

Profilo ignota

Non ho potuto vedere il tuo viso

Immagine incisa

Una passata

Un sorriso incantevole

L'ironia nello sguardo

Passa impassibile

Un profilo

Il suo profilo gracile

Vagabonda sul viale

Una primavera rinasce

Les passantes I passati , clic diritto poi aprire,

Omaggio a Giorgio Brassens

Per libera necessità - Pubblicato in : Haïku - Comunità : DIVORATORI DI PAROLE
Scrivere una piccola parola - Vedere i 21 commenti
Giovedì 12 gennaio 2012 4 12 /01 /Jan /2012 05:51

arches-1-.jpg

Artista francese, nato in1952.

Jean-Francesco Rauzier è fotografo professionale, Nel 2002, il suo lavoro artistico prende una piega innovatrice e radicale: inventa il concetto del HYPERPHOTO.

Da alcuni anni, questo virtuoso delle tecnologie numeriche è il vincitore dei grande concorsi artistici e fotografici: nel 2006, il salone Up-data a Berlino il prezzo Screenings, nel 2008, il prezzo Arcimboldo, nel 2009, ed in 2011 riceve il prezzo Eurazeo.

Espone nel mondo intero: New York, Londra, Los Angeles, Parigi o Seul.

hyperphoto-bibliotheque-ideale-1-.jpg

Suoi. uvres immergono lo spettatore in un universo onirique, talvolta fantastico. Offrono una riflessione sul reale, il posto dell'uomo nella città, la percezione del mondo e soprattutto un invito al viaggio.

dedale-hyperphoto-rauzier-1-.jpg

Risultato che sbalordisce di verità e di passione, una frase riassume tutto il suo lavoro: " L'uomo scrive sulla sabbia, io ciò mi conviene bene così. La cancellazione non mi contraria, alla marea discendente, ricomincio."

jean-francois_rauzier_barcelona-scaled1000-1-.jpg

Per libera necessità - Pubblicato in : Focus - Comunità : La Piccola Fabbrica di Scrittura
Scrivere una piccola parola - Vedere i 21 commenti
Mercoledì 11 gennaio 2012 3 11 /01 /Jan /2012 07:04

P1020345.JPGLa storia della cipolla di Roscoff è molto particolare, merita che si si ritarda un poco per scoprire questa cipolla fa la fierezza di tutta la regione.

Bisogna risalire il tempo fino al diciasettesimo Secolo per scoprire l'origine della cipolla di Roscoff. Sono in 1647 che Fratello Cyril, un monaco capucin, seminò i primi semi nei giardini del convento al suo ritorno di Lisbona. A questa epoca, la città di Roscoff aveva un'attività essenzialmente legata al commercio marittimo, basata sull'esportazione di sale proveniente del Sud della Bretagna e di tele di lino fabbricato nella regione. Le verdure erano coltivate negli orti e servivano al rifornimento dei marinai. La cipolla costituiva un alimento essenziale per essi, perché permetteva di premunire contro lo scorbuto, a causa della sua ricchezza in vitamina C.,

È adottato molto rapidamente per le sue qualità gustative e la sua molto lunga conservazione. Al diciottesimo Secolo, il declino del commercio della tela, i contadini si girarono verso la cultura della cipolla e di altre verdure su Roscoff.

È al diciannovesimo secolo che la notorietà della cipolla di Roscoff prese dell'ampiezza. La storia trattiene che nel 1828, Henri Ollivier, un giovane contadino di Roscoff, tentò l'avventura di andare a vendere le sue cipolle in Inghilterra: ne ritornò i calibri vuoti e le tasche molto piene. Questo è così come esordì il fenomeno "Johnny", del soprannome dato dai britannici ai contadini di Roscoff e della sua regione. Ogni anno più numeroso, i Johnnies espatriavano fin dalla fine luglio dopo il perdono di Santa Stufo per andare a vendere le loro cipolle alla porta a porta in tutta la Grande Bretagna, a piedi innanzitutto poi a bici a partire da1920. Il fenomeno conobbe il suo apogeo negli anni 20 con 9000 tonnellate vendute oltre Manica per vicino a 1400 Johnnies.

La crisi economico degli anni 30, la seconda guerra mondiale, la svalutazione del mezzo chilo ed il protezionismo inglese hanno condotto poi al declino delle vendite oltre Manica. Resta tuttavia ancora oggi una quindicina di Johnnies che fa perdurer la tradizione.

La cipolla di Roscoff non può rivaleggiare con le altre cipolle prodotte alla scala industriale.

Nel 2009, 56 produttori conducono le loro culture secondo il quaderno dei carichi dell'AOC sia circa 65 ha per 1300 Tonnellate di cipolle di Roscoff.

Per libera necessità - Pubblicato in : Bretagna - Comunità : ARCHITETTI DI INTERCOEURS
Scrivere una piccola parola - Vedere i 28 commenti
Martedì 10 gennaio 2012 2 10 /01 /Jan /2012 18:02

36325058 p[1]Il realismo delle proposte si misura all'auna dei problemi generati dalla crisi capitalista e delle poste che corrisponde ad un progetto di società solidale ed ecologica. La fattibilità finanziaria delle proposte dipende innanzitutto dall'impegno politico dell'insieme della società e di quelli che la governa. Difatti, lontano da essere un handicap per l'economia e l'avvenire della società, l'estensione della sfera non commerciante che va essere condotta sotto l'egida del potere pubblico locale, nazionale ed europeo, sarà realmente produttiva perché delle risorse umane e materiali saranno state dedicate a lavorare per creare dei beni e servizi di qualità proprio utile. La sfera commerciale, muta ieri per l'unica ricerca del profitto, va' a dovere al suo giro soddisfare sempre più le esigenze che la democrazia gli detterà.

Riassunto

I sette cantieri della transizione

Per iniziare la trasformazione del lavoro, dell'economia e della finanza su un mandature di cinque anni.

1. Il lavoro ed i redditi

- Abrogazione di tutte le leggi sull'organizzazione del lavoro che ha précarisé la condizione salariale e refondation del codice del lavoro

- Principio costituzionale di giusta ripartizione della ricchezza

- Nuove leggi sul tempo di lavoro e la riduzione della precarietà

- Fissaggio di redditi minimi e massimi accettabili

2. La fiscalità

- Riforma fiscale fondata sulla progressività coi piatti larghi; obiettivo 100 miliardi di euros di ricette fiscali supplementari per anno

- Tassazione internazionale delle transazioni finanziarie e lotta contro la frode e l'evasione fiscale

- Bilancio europeo rinforzato

- Auditing sui debiti pubblici

3. La protezione sociale

- Abrogazione delle riforme sulle pensioni e l'assicurazione contro le malattie passata

- Nuova legge sulla protezione sociale fondata sulla ripartizione e la progressione delle quote sociali

4. La moneta e la finanza

- Socializzazione di tutto il settore bancario

- Distruzione delle strutture di speculazione

- Controllo democratico della Banca centrale europea e della politica monetaria che autorizza la monetazione dei deficit pubblici

5. Gli investimenti e la politica di sviluppo

- Riabilitazione dei servizi pubblici

- Déprivatisation dei settori dell'educazione, della cultura, della salute, dell'energia, dei trasporti e della distribuzione dell'acqua,

- Aiuto alla riconversione ecologica dell'agricoltura

- Ristorazione di una pianificazione democratica

6. La ricerca e gli indicatori di progresso

- Precedenza alla ricerca pubblica

- Notizia economico e sociale giro verso la qualità

7. Le relazioni esterne

- Cooperazione al posto della concorrenza

- Costruzione di una regolazione politica mondiale

Per libera necessità - Pubblicato in : Biglietto di umore - Comunità : DIVORATORI DI PAROLE
Scrivere una piccola parola - Vedere i 9 commenti

Presentazione

Testo Libero

Questo blog è protetto da Copyright

Libera necessità

sceaucopyright

Creare un blog gratuito su over-blog.com - Contatto - C.G.U. - Rimunerazione in diritti di autore - Segnalare un abuso - Articoli i commentati più